SAMS: Inchiesta sulle attività lavorative delle persone ipovedenti

Le condizioni di lavoro sono molto diverse per chi ha seri problemi di vista, a dipendenza dell’impiego e del datore di lavoro. Ma cosa possono fale le persone stesse, i loro datori di lavoro, i colleghi e le organizzazioni di sostegno per facilitare l’impiego e renderlo duraturo? L’inchiesta nazionale sul mondo del lavoro «SAMS» vuole trovare risposte a questa domanda e quindi favorire l’integrazione professionale in caso di handicap visivo.

Cosa vuole raggiungere l’inchiesta?

Nel nostro paese si sa pochissimo sulla realtà professionale delle persone ipovedenti. L’inchiesta SAMS raggruppa diversi ricercatori delle scuole universitarie professionali di Zurigo e di Losanna e vuole chiarire quali siano i punti importanti che favoriscono l’integrazione e la riuscita a lungo termine di un’attività lavorativa. SAMS analizza il lavoro rinumerato, quindi all’infuori del settore protetto ed occupazionale.

Scopo

Vogliamo scoprire le basi sulle quali sviluppare misure e incentivi che migliorino l’integrazione professionale delle persone ipovedenti. Queste misure saranno messe a disposizione delle organizzazioni che si occupano dell’handicap visivo.  L’inchiesta viene svolta sotto la responsabilità dell’Unione Centrale Svizzera per il bene dei ciechi (UCBC), dell’Unione svizzera dei ciechi (USC) e della Federazione svizzera dei ciechi e deboli di vista (FSC). I risultati saranno pubblicati verso la fine del 2015 con il sostegno finanziario dello «Ufficio Federale per le pari opportunità delle persone con disabilità». Sono previsti un opuscolo per le persone ipovedenti ed in un manuale per i datori di lavoro. Per gli addetti ai lavori saranno organizzate delle giornate di studio.

Contenuti

L’inchiesta si pone la domanda principale seguente: Quali sono i fattori positivi e quali quelli negativi per il successo professionale delle persone ipovedenti?

Ci si chiede a questo merito:

  • In quale misura è stata raggiunta la parità delle opportunità per le persone ipovedenti?
  • Quali opportunità vengono offerte e a quali rischi devono esporsi le persone ipovedenti per riuscire nel mondo del lavoro?
  • Che cosa possono fare le organizzazioni del ramo, i datori di lavoro ed altri attori per favorire la riuscita professionale delle persone ipovedenti?
  • Quali sono i fattori di successo e quali i fattori di rischio dal punto di vista dell’infrastruttura, delle interazioni tra le persone e delle scelte della persona ipovedente stessa?

Metodo di lavoro

L’inchiesta si svolge sull’arco di cinque moduli che servono ad analizzare il quesito da angolature scientifiche diverse tra di loro:

  • Modulo 1: Ricerca sistematica sui risultati di altri studi sul tema.
  • Modulo 2: Interviste  libera con persone ipovedenti che hanno un’attività lavorativa o che l’hanno persa recentemente. Analisi qualitativa dei dati.
  • Modulo 3: Discussioni con gruppi di datori di lavoro.
  • Modulo 4: Inchiesta standardizzata telefonica con un gran numero di persone ipovedenti che hanno o che hanno avuto un’attività lavorative. Analisi quantitativa dei dati.
  • Modulo 5: Analisi approfondita di chiusura per alcuni casi particolari.

Responsabili del progetto

Collaboratrici

Durata

Da ottobre 2013 a settembre 2015